L’asparago selvatico è molto diffuso qui sull’isola di Ponza o meglio, sull’isola di Palmarola, dove da sempre l’arrivo della primavera coincide con le passeggiate alla ricerca dei preziosi germogli, da trasformare in frittate e risotti. Un nostro amico è andato un po’ di tempo fa a raccogliere gli asparagi  per nostra fortuna ci ha regalato un bel mazzo di asparagi anche per noi.

Gli asparagi selvatici sono molto più sottili di quelli coltivati ed hanno un gusto più intenso e deciso, sicuramente più “amarognolo” (inteso come piacevolmente amarognolo però).
Gli asparagi fanno parte della famiglia delle Liliacea ed appartengono di diritto alla famiglia di piante selvatiche della cosiddetta macchia mediterranea. Le proprietà dell’asparago sono prevalentemente diuretiche, depurative e dimagranti: combatte l’eccesso di sudore e il suo consumo è consigliato a chi soffre di infiammazioni renali. E’ inoltre ricco di Vitamine A, C e di sali minerali come il Potassio.
Detto questo arriviamo finalmente alla ricetta e vi propongo questo risotto di asparagi veramente squisito. Se trovate ancora dei asparagi al mercato comprateli e provate, da leccarsi i baffi.

Tempo di preparazione: 30 minuti circa
Quantità: 3-4 persone circa

Ingredienti per il brodo:
gambi degli asparagi
1 costa di sedano
1 carota
sale
½ cipolla

Ingredienti per il risotto:
250 g di riso Arborio/Roma
25 g di burro
1 cucchiaio di olio di oliva extravergine
½ cipolla
1 bicchiere di vino bianco
un mazzo di asparagi
pepe nero
parmigiano da grattugiare

Preparazione:
Iniziate a pulire gli asparagi sotto acqua, eliminando la parte in fondo più dura (teneteli da parte per il brodo).

Tagliate gli asparagi a pezzettini lasciando le punte da parte. Ponete i pezzettini in una pentola e coprite con un po’ di acqua e fateli sbollentare per circa 4-5 minuti e poggiateli in un piatto.

Con la parte più dura del asparago preparate il brodo vegetale mettendo in una pentola i gambi insieme ad una mezza cipolla, una costa di sedano e un pizzico di sale e portato il tutto ad ebollizione.

Nella stessa pentola dove avete fatto sbollentare inizialmente gli asparagi, versate la cipolla tagliata finissima. Aggiungete il burro e l’olio e fate imbiondire la cipolla a fuoco dolce. Incorporate gli asparagi (che avete precedentemente fatti sbollentare) e mescolate in continuazione. Dopo poco, circa 2-3 minuti, aggiungete il riso e fate tostare alzando la fiamma e versate il vino bianco. Una volta evaporato unite la prima mestolata di brodo e girate il tutto.

Continuate a far cuocere per circa 10-12 minuti mentre mescolate in continuazione. Quando si sta per seccare versate nuovamente un mestolo di brodo. Verso metà cottura ricordate di aggiungere le punte degli asparagi. Una volta passato il tempo spegnete il fornello e lasciate riposare per alcuni minuti.

Preparate i piatti e concludete con una grattugiata di parmigiano!
Buon appetito e buona serata;)

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY